IL RUOLO DEL RSPP: COMPITI E PROFILI DI RESPONSABILITA’

Tipologia: Catalogo - A pagamento

Formazione obbligatoria in materia di sicurezza

IL RUOLO DEL RSPP: COMPITI E PROFILI DI RESPONSABILITA’
Come comportarsi alla luce dei più recenti orientamenti della giurisprudenza penale

Modulo di aggiornamento

Significato e finalità:

E’ ancora un pensiero diffuso che il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), rispetto al suo operare in tema di sicurezza, sia immune dal rischio di subire contestazioni di carattere penale. La Giurisprudenza degli ultimi anni ha invece riconosciuto in alcuni casi la responsabilità penale del RSPP, oltre a quella del Datore di Lavoro, in relazione a infortuni occorsi a lavoratori. Si impone pertanto una riflessione sul ruolo concretamente svolto in azienda dal RSPP, figura strategica voluta dal Legislatore per supportare il Datore di Lavoro nell’elaborazione delle scelte in tema di sicurezza aziendale.Il modulo, partendo da una sintesi delle sentenze più recenti, intende illustrare i criteri interpretativi utilizzati dalla Giurisprudenza per porre il Datore di Lavoro e l’RSPP in condizione di identificare le scelte operative per prevenire il rischio di subire contestazioni di carattere penale, analizzando le principali aree di intervento del RSPP, con particolare riferimento all’individuazione ed eliminazione dei fattori di rischio a carico dei lavoratori e trattando in particolare il tema della sicurezza delle macchine industriali utilizzate nei processi produttivi.Particolare attenzione è posta all’importanza di stabilire da subito la strategia difensiva - circostanza che non sempre si registra nelle prassi aziendali - nel caso in cui venga aperto dall’Autorità un procedimento penale in seguito ad un infortunio.Il modulo si articola in due pomeriggi a distanza di una settimana; in tale modo i partecipanti potranno verificare in azienda il grado di applicazione di quanto appreso nel primo incontro e sottoporre eventuali quesiti nell’incontro successivo.La partecipazione al modulo e l’esito positivo della verifica finale consentono di acquisire un credito utile per ottemperare all’obbligo formativo previsto dalla normativa.

Docenza:

CROSTI AGOSTINO

Destinatari:

Datori di lavoro, amministratori delegati, dirigenti, preposti, Responsabili e Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi.

Calendario didattico:

Data inizio Prima edizione: 09.12.2013
Data inizio Seconda edizione: 23.06.2014

Programma:

Ruolo del RSPP
I compiti attribuiti al RSPP dal Testo Unico sulla Sicurezza. Come viene percepito l’RSPP in azienda? La “gestione” dei conflitti aziendali in materia di sicurezza. L’integrazione della sicurezza nella cultura aziendale e nei processi decisionali.
RSPP e responsabilità penale
L’RSPP può rispondere penalmente? Gli orientamenti più recenti della Giurisprudenza. RSPP: come cambia la responsabilità in funzione del ruolo effettivamente ricoperto in azienda, al di là dell’organigramma . Gestione delle deleghe: i riflessi per il Datore di Lavoro e per l’RSPP in ambito penale. Gli insegnamenti del caso THYSSENKRUPP.
Principali aree di intervento del RSPP secondo il “punto di vista” del giudice penale
RSPP e Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) . RSPP e Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (DUVRI). RSPP e Piano Operativo per la Sicurezza (POS). RSPP e Informazione – Formazione dei lavoratori.
RSPP e sicurezza delle macchine industriali
Le prescrizioni normative contenute nel Testo Unico sulla Sicurezza e nella “Direttiva Macchine”. Le norme tecniche armonizzate e l’individuazione dello “stato dell’arte” in tema di sicurezza delle macchine. Il valore della Dichiarazione CE di conformità di una macchina. La valutazione dei parametri di sicurezza di una macchina e l’individuazione dei “difetti palesi”. L’installazione e la manutenzione di una macchina e l’aggiornamento dei suoi requisiti essenziali di sicurezza. Le macchine usate. Formazione e addestramento dei lavoratori all’uso delle macchine industriali. Il concetto di “rischio residuo”. Il concetto di “uso scorretto ragionevolmente prevedibile” ed il suo rapporto con il reato di “rimozione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro”.
Infortuni sul lavoro causati da una macchina: profili processuali e strategie difensive
Le attività compiute dagli organi di vigilanza. Il procedimento amministrativo a carico del “fabbricante”. Il procedimento penale a carico del “fabbricante” e dell’”utilizzatore” della macchina . Le fasi prima del giudizio. Il decreto penale di condanna. L’estinzione delle contravvenzioni del T.U. Sicurezza: il verbale di prescrizioni e la procedura ai sensi del D.Lgs. 758/94. L’interruzione del nesso causale nei reati di lesioni colpose e omicidio colposo. I reati dei “lavoratori”.

Programma Prima edizione


Programma Seconda edizione


Scheda di iscrizione e moduli di rimborso

Per accedere a facilitazioni economiche contattaci oppure consulta la pagina delle agevolazioni

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Nome(*)

Cognome (*)

Azienda

Indirizzo email (*)

Telefono

Messaggio

Acconsento al trattamento dei miei dati in ottemperanza al D.Lgs.196/2003

( leggi le regole per il rispetto della privacy adottate da ISFOR2000)

Ricopia il codice che vedi nell'immagine qui sotto
captcha

Informativa sulla privacy

Leggi l'informativa ed esprimi il tuo consenso al trattamento dei dati personali

ai sensi dell'art.13 del D.lgs n.196 del 30/06/03 Codice in materia di protezione dei dati personali

ISFOR 2000 SPA, con sede in Via Nenni 30 - 25124 gestirà i dati da lei forniti in qualità di titolare del trattamento per il tramite dei propri incaricati della funzione direttiva, commerciale, didattica, gestionale e organizzativa e comunicherà il suo recapito postale alla propria tipografia preposta all'invio di materiale illustrativo. Il trattamento di tali dati, effettuato con mezzi informatici o manuali nell'osservanza di ogni misura cautelativa della sicurezza e della riservatezza, è finalizzato al successivo contatto da parte nostra nonchè alla promozione e all'erogazione dei servizi formativi progettati dall'Istituto.

Ciò premesso il consenso al trattamento dei dati da lei gentilmente forniti si intende espresso con la selezione del tasto invia. Resta inteso che le sarà possibile esercitare in qualsiasi momento i diritti di cui all'art.7 della presente normativa.
L'informativa dettagliata relativa al trattamento dei dati è consultabile nell'apposita sezione del sito internet.